*Pretty girl from Venezia



Laureen

Laureen was feeling satisfied, as if in Heaven. She was in bed with the man of her dreams: passionate and gentle, manly and romantic. She would like to murmur his name, sin that escaped.  Not to talk about the location then… Through half-closed eyelids she had glimpses of the comfortable luxury that surrounded her. She was sure it was winter outside and she was feeling so good. Suddenly  an unpleasant noise, at first far away, in the fog of sleep, then closer and closer. Nagging, frustrating, irritating. An alarm clock. Her alarm clock. She had tried to select some sweet melody, but Enya had accompanied her into a deeper sleep. Finally she had given up and chose the insistent sound of a rooster, the most useful. Usually she was difficult to wake, but the rooster cry tore into her sleep. It achieved its goal of waking her up. With awakening came also the ongoing everyday reality. Her lover was gone, vanished, trapped in the dream and its bedroom. The location  well, nothing had to do with opulence but it was nice, intimate, a mansard which had once seen her play carefree. It was part of the large villa overlooking the Naviglio canal, something precious, in memories of a rich and loved girl with her special large space to play, to invite girlfriends for endless afternoons of drinking tea with dolls.  But outside that door there was the “true” house, where finally, after two stairways, down in the living room they drank hot chocolate. She never would have thought that her magical place would become the only roof for her survival. A few months after the tragedy, Laureen and her mother were forced to close the living rooms with their venetian ceilings and ancient floors. Sheets mercilessly aseptic had covered the only precious furniture unsold, as they had doggedly clung to the illusion of being able to recover their happy past or, at least, act as an anchor of hope.
Her mother finally fell into the abyss of depression and anorexia. Laureen had thought she would react in another way. One day, if she had children, she wouldn’t leave them to their fate, she would fight with them until the end. She felt guilty about these thoughts. A human being is a person with individual character and becoming a mother does not automatically change this.
She returned to the present.
Some draft coming through the old windows contributed to lowering the temperature of  that dank winter, but now this was her home and she could not complain. Inside the room there was a lovely bathroom. Along the narrow corridor were three doors: one led into the small but cheerfully kitchenette, another into a closet and the third into the living room with exposed beams, surrounded on three sides by wide windows, which offered a view of the large park that was cared for by the old Armido, as best he could. He and his wife Clelia were in the service of her family from immemorial time, before her birth. They had remained close, as faithful watchdogs, paid by accommodation on the ground floor, the produce of the little vegetable garden and a small pension. Clelia had been her nanny before, then the housekeeper and, by virtue of her past in noble Venetian families, had taught her how move into the high society, because in life one never knows. Nowadays, with a few more wrinkles, but a body still slender and with a quick wit that shone in her dark eyes, she was a rock for her, a shelter, almost a mother.
Third ringing alarm.
Fully aware she realized it was Sunday and she did not have to go to the factory, so she decided to pamper herself a bit, before going on working about her plan.
The wonderful dream lover had left only a thin nostalgia and indeed in that important moment in her life, she had no time for love. Better to say sometime there are things which are not going in a right way such as with Davide. She had been bound with him for two years, arousing envy and jealousy of the high and middle-class coastal women who had now marked her as a poor girl, forced to get her hands dirty for living. She was the daughter of irresponsible and deranged man, from which she must have inherited a bit of madness to reject Davide’s proposal of marriage.
The cut had occurred two months earlier. They were a couple after they met in a nightclub in Venezia where she was celebrating Simona’s birthday, the only true friend she had. To be honest, their relationship as it evolved had become a nonsense. He was attractive, wealthy and seemed to love her. She had never had any problem attracting boys when she was very young, nor men later. But, to be honest, she hadn’t yet find the right one. Maybe she missed opportunities. So she joked to herself. “Yes, I’m just like Cinderella now, I’m only house and factory”
She also thought if it’s destiny she’d find her man anyway, but she also knew that fate should be helped. It is not as if one fine morning you wake up and find the Blue Prince had parachuted directly into your bedroom. She smiled at that idea, imagining Davide coming down from the ceiling dressed in that way. He was not really that kind of man!
However even this was not her priority. After the death of her father first and her mother then, she had other to think about. Something took up most of her time: her handmade furniture factory. Built from nothing by her father more than eighteen years before it had slowly grown until it became a business employing fifty people, passionate and experienced in their work. The furniture was so unique that pieces were sent to all parts of the world to furnish wealthy homes. A classic made in Italy, millions of light years distant from the Ikea stuff.
She had no close relatives and since the past five years it was all on her shoulders. She had to leave her studies at the Faculty of Philosophy and she found herself faced with the decision whether to sell the building and the land around at a bargain price. The area had been targeted by anonymous people with large capital to develop a big shopping centre.
Laureen had strongly resisted in her father’s memory and for the good of her workers. So, at seven o’clock, six days a week, she went to her factory to keep the accounts, take care of shipments and to help rub beeswax into the finished products. She kept up hopes of the men and women in the factory who had worked with her parents. In their eyes she saw a question. Without her, there would be no work for them, nor many other job opportunities. So she gritted her teeth and somehow had pulled ahead.
------------------------------------------------------------------------

The location

North-east of Italy

The Riviera del Brenta is the area surrounding the Naviglio del Brenta (a channel from the Brenta River),  which runs from downtown Padua across the Veneto countryside, through Stra, Fiesso d'Artico, Dolo, Mira, Oriago and Malcontenta to Fusina, which is part of the municipality of Venice, in the North-east of Italy.
The Naviglio is navigable by river boats, whose best example is the famous Burchiello, which once used to carry Venetian noblemen from Venice to the countryside and Padua and is now a tourist attraction.
From 16th to 18th century many Venetian aristocratic families built their beautiful villas here (like Villa Pisani in Stra, Villa Ferretti-Angeli in Dolo, Villa Widmann-Foscari in Mira, and Villa Foscari a.k.a. La Malcontenta in Malcontenta): they are indeed known as Ville venete, Venetian villas. Noblemen used to re-invest their trade profit in big agricultural complexes. They were not just countryside manors, but real and self-sustainable production centres: they add fields all around, stables, barns, and the villages of the peasants. The villa was the name of this kind of complex, but it today refers to the manors only. Some of them have also beautiful gardens, with small woods, fountains, mazes and small lakes. The villa veneta is typical of all the region of Veneto, but the Riviera del Brenta is place to some of the most beautiful and famous.





Fiil free to contact me whatever you need: infos about the novel, questions, curiosity, travelling and moreover. Beg your pardon for mistakes, someone is doing the dirty work to edit it :)


Pretty girl from Venezia (An italian novel)

Coming soon!


Venice (Italy). An original novel.

Ok, here we are. I see there are many friends reading this little blog, more than Italians. Quite amazing, indeed! So a really big big thanks to everyone of them.
My English isn't so good, but I thing you can understand what I'm writing here.

So pls let me introduce this work talking about love between two different worlds. I'm very proud of it. It doesn't belong to a specific genre, cause you'll find romance, thriller, humor, travel, food...

Ready to know something more the Bel Paese (Beautiful Country)  through the pages of a... OMG  I don't know how to define it! I'm sure if I write "romance" you think stuff to women.

Pretty girl from Venezia (yes just Venezia not Venice),was read and appreciated also by male readers. Yes,  I know I have to be honest: they turned up nose in front of some romantic parts. But let me know: what should do two lovers some time? Let them to make love! This is life. You eat, you work, you sleep and you also make that. Am I wrong?

I didn't change my pen name and turn into another sounding anglo-american. I didn't located my novel in places where I've never been, I didn't talk about something I don't know and, above all, I didn't take inspiration from trendy novels in this 50Shades period.
Cause I'm proud to be italian and think Italy and good italian authors have much to give. 
Here we go, have a good time.
And share, share, share.
Kisses.
                                                             

Burkini-faso

Polemica assurda, i Francesi non hanno mai brillato per intelligenza.

Ma perchè una non può indossare un velo (un velo!), nei pubblici uffici? Perchè una non può indossare una muta, una tuta, un pareo, un burkini in spiaggia? Stiamo scherzando? 
Io il crocifisso dalla catenina non lo tolgo.

Sono altre le cose di cui occuparsi.


Donne sole

Stanotte sclero un po'. Tipo aforismi. Ho sorvolato Fb e davvero ci ho trovato cose deliranti. Ma fa così caldo in Italia?

Sono giunta alla conclusione che
se una donna è single per scelta ha quattro paia di palle e tutto il mio rispetto
se una ragazza,perchè per me donna ha un significato, non è accoppiata è una gran brutta persona che offre il peggio di sè per porre rimedio alla carenza

gran brutta cosa i ritrovi di comari senza gallo, sono delle polveriere.

A voi Roma.

ATTACCHI DI PANICO

Per forza di cose, non ultimo un equilibrio fisico precario e il fatto di essere in viaggio, devo essere breve. Diana poi è sparita, lei chedice a me che sono incostante...
Insomma viaggio sempre con il mio kindle, per ammortizzare i momenti morti. Stiamo andando verso Est...Ok, l'altro giorno, come faccio quasi sempre, guardo le offerte lampo e mi colpisce un libretto che parla di panico e viaggi. Lo compro e lo leggo in un'ora. E mi dico: embè? Dove sta il panico? Perchè gente che ne soffre ne ho conosciuta e non si sposta neanche per andare al cassonetto e lì mi vien in mente un periodo della mia vita...Ero una novellina , una quasi matricola entusiasta che ficcava il naso ovunque. A Venezia bazzicavo il S.Giovanni e Paolo, ero però attratta dalle "malattie" mentali ed ero anche una gattara. A Venezia ci sono i i gatti più ciccioni del mondo.Così ho conosciuto Carla (prima coincidenza), logorroica  come me e anche Pesci, per chi ci crede. Ho imparato di nascosto a far prelievi, metter cateteri maschili e roba che nella mia facoltà non insegnano/avano. E lì salta fuori il discorso panico.Avevo due persone care che ne soffrivano, ma pur cercando di aiutarle,.non capivo.Per farla breve Carla mi regala un volumetto, ce l'ho ancora, ma è fuori commercio (Adle edizioni), lo leggo e lo trovo molto coinvolgente. Riesco a capire finalmente ciò che si prova. A casa sulla quarta di copertina è descritto il momento clou dell' adp, attacco di panico.
Leggo le recensioni del libro panico/viaggi e ne trovo una che mi fa venir in mente il titolo esatto. Cerco e trovo, lo trovo relegato in fondo al mar. Leggo le poche recensioni e mi colpisce quella che dice press'a poco...bastasse una pillolina. No, sbagliato. Da quanto ne ho dedotto si esce dal panico viaggiando dentro se stessi, prima, la pillolina è solo il completamento del cammino. Non  si esce dal panico in altro modo.Ma si esce. Lo scarico e, rispetto all'edizione di carta, mi trovo un 'appendice per me interessantissima sulla malattia mentale e i pregiudizi e sul valore del gioco di squadra. Già allora Carla teneva gruppi gratuiti di auto-aiuto a cui ho potuto partecipare per un pezzo della mia tesi (che poi ho cambiato nda). Mi è servita quell'esperienza, anche nell'ambito di altre patologie.
L'ultima coincidenza  è che me lo son ritrovato gratuito. Allora son corsa qui a scriverlo, anche se i 4 euro secondo me li vale tutti.
Sfiga vuole che la sim dell'altro cell si sia fulminata e non abbia modo di contattare Carla.
Sarà in pensione o eserciterà come psicoterapeuta "per poveri" come mi confidava?
Sono sicura che se è destino ci risentiremo. Io alle coincidenze non ci credo. Voi scaricate e diffondete perchè, e questa me la ricordo bene, contro il Panico non esiste vaccino. 
Alla prossima. Le Ali impigliate nella gabbia del panico

Siamo sulla stessa lunghezza d'onda?

Dopo Credici (#Creed1), arriva Talitakum (#Creed2).
Mi sono davvero commossa a scriverlo, c'è dentro il cuore e anche fegato, milza, polmoni...Don't let me down.



Stranamente ho dormito pesante, un sonno senza sogni. Eppure qualcosa mi ha svegliato. Qualcuno è entrato in casa, devo vedere che succede, non penso al pericolo. Mi armo di un bastone appendiabiti e procedo verso l’anticamera. Incrocio Dania, la camicia che usa come pigiama, biancheggia nell’oscurità, ma è la sua posa che mi colpisce: tiene con entrambe le mani qualcosa che luccica, Una pistola. Pare un gesto usuale per lei, poi ricordo che è una riservista e aspirante agente del più abile servizio segreto del mondo. Avanziamo, io dietro di lei, lentamente. Sento dei lamenti come di un gattino affamato. Accende la luce all’improvviso e… Marco è disteso nel corridoio d’ingresso a faccia in giù.
Corriamo da lui e lo giriamo con prudenza. Bofonchia qualcosa. Puzza di alcool, è in condizioni pietose. Non so come  lo trasciniamo su un letto. Gli pulisco il viso con un asciugamano inumidito, pare un Cristo che va al patibolo con quei capelli biondi appiccicati. Ogni tanto apre gli occhi di quel verde particolare, cristallino. Sembra un angelo caduto. Finalmente possiamo ritirarci, Dania mi fa segno di non parlare, alza le spalle in segno di rassegnazione e sparisce. Sto per andarmene anch’io. Lo capisco bene, povero Marco, non si può cancellare tutto con un colpo di spugna. Mi trattiene tirandomi per gli slip, mi devo fermare, rischio che me li strappi. “Resta qui, fammi compagnia Nicole!”. Questa non me l’aspettavo. “Marco hai bevuto!!, che obiezione sciocca. Infatti. “E se non avessi bevuto, resteresti a fami compagnia?”
“Hai bisogno di compagnia?”
“Sì, però giuro che non ho bevuto tanto, forse è stato lo spino che mi ha tagliato le gambe. Non… so dire di no.”
Non riesco a capire il livello della sua sobrietà. A tratti sembra molto lucido, a tratti un bimbo petulante. Sospiro e a tastoni, raggiungo l’altro lato del letto. In fin dei conti a modo suo, mi ha aiutato e, temo, dovrà aiutarmi anche se inconsapevolmente, almeno credo. E' un candidato che Dania ha individuato come ideale, poche spiegazioni, nessuna rottura di scatole i con sconosciuti o amici poco discreti. Marco ha un carattere docile. Cerco di riposare un paio d’ore tirando lenzuola e coperta fin sotto il mento. Guarda te che tempo in piena estate. Per fortuna pare che in settimana tornerà il sole. Il respiro dell’angelo dannato, ma sempre buono, si è fatto cadenzato. Anche gli angeli possono avere qualche caduta di stile, no? Sono troppo severa e non sono certo perfetta, d’ora in poi lo sarò sempre meno. Mi assopisco.
“Da domani, cioè oggi, giorno nuovo vita nuova”, esclama con enfasi Marco e io per poco non cado dal letto per lo spavento. Questo non ha tutte le rotelle a posto.
“Mm, mm”, che sarebbe sì-sì. Lo assecondo.
“Me ne vado giù per un po’. Sono stufo di questi posti. Nuoto, mangio, faccio vita selvaggia. Ritorno alle origini”, ridacchia.
“Sicilia?”, domando per pura cortesia.
“Certo, mi porto la chitarra e poi riprendo i nostri tour. I ragazzi hanno bisogno di suonare, di riprendere la vita di prima. E anch’io.”
Gli farei eco, se non fosse scortese esprimere il mio sollievo per la bella notizia.
Al buio sento che si gira di scatto verso di me, mi arriva una zaffata di birra.
“Dovresti farlo anche tu.”
“Grazie del consiglio, lo farò.”
“Bisogna cominciare dalle piccole cose.”
“Tipo prendersi una bella sbronza che ti fa sbattere il muso per terra?”, non ho resistito.
“Non giudicare e non sarai giudicata”, mi è diventato evangelico. D’altronde è un angelo biondo pieno di virtù, no?
“Guarda”, prosegue imperterrito, “io ho cambiato la suoneria che mi legava da due anni alla mia ex. Sai, era la nostra canzone.”
“Mi spiace, ma ti ho fregato. Proprio stamane ho fatto la stessa cosa.”
“Scommetto che hai piazzato Adele.”
“Scommessa persa. Non indovinerai mai”, che dialogo assurdo.
“No, sei tu che non ci arriverai mai, alla mia. Ha un significato tutto particolare, riguarda l’introspezione nel rapporto di…”, no, ti prego, a quest’ora no.
“Va bene mi arrendo.”
“Sicura? Bello riconoscere i propri limiti”, non so se è riferito a me, a lui o ad entrambi.
Si mette a canticchiare un motivo. Lo riconosco subito, l’ho trovato adatto, insolito, mi è balenato all’improvviso e l’ho sostituito a You e You’ve got a friend. D’ora in poi la mia suoneria sarà democratica, niente distinzioni.
Mi ritrovo a seguirlo.
“E più in alto e più in là…come abissi nell’immensità. E sorvolando spazi senza limiti e confini… ci allontaniamo e poi ci ritroviamo più vicini….Se segui la mia mente… se segui la mia mente…” Che bel coretto.
Magari abbassate voci che sembrate due pazzi?”, oh Signore, è Dania che sbuca dal buio.
Ci ricomponiamo. Altro coretto: “Scusa Dania, ‘notte.”
“Macchè notte, è quasi alba e svegliate tutti! Comunque notte, derelitti!”
Che termini! Altro fracasso, imprecazioni in lingua orientale, sarà ebraico.
“Per me è arabo”, sentenzia Marco prima di cedere al sonno. Di nuovo, sbattendo solo contro uno spigolo mi precipito fuori.
Ho la brillante idea di accendere la luce. Dania è in equilibrio precario, ma è riuscita a mantenersi in piedi.
A terra giacciono i pezzi del mio cellulare, quelli della suoneria nuova, distrutto, niente da fare.
“Mi dispiace, domani-oggi gliene compero uno nuovo, anzi facciamo a metà perché anche lui…”, sbadiglia Dania.
“Ma è il mio!”, esclamo.
“Allora faccio metà con te”, e sparisce nell’altra camera.
Non ho più sonno, vado a farmi un caffè.
E canticchio.

(Talitakum-#Creed2)

White Romance



Mi pento di aver accettato l’invito, poi penso che prima o poi sarebbe successo, ha l’aria di una che non molla l’osso e se la loro relazione andava avanti da tempo, è comprensibile. Se butta male, posso sempre tirar fuori il mio lato da stronzetta, quello del famoso colloquio.
Il colloquio. Sembra siano passati anni da quel giorno.
Forza Nike.
Senza perdermi ancora in riflessioni tortuose mi precipito giù per le scale.
“Eccomi, grazie per l’invito, Lea.”
Sono di fronte a lei e mi accorgo che con quei tacchi forse è un paio di centimetri più alta di me. Lei mi squadra con una smorfietta.
“Preferisci il casual? Non potrai vestirti così in certe occasioni.”
“Buon pomeriggio, Lea”, ripeto rimarcando tacitamente la sua scarsa educazione.
“Ciao Nicole, mi pareva di averti già salutata.”
“Alla festa, certo”, andiamo bene.
Ha un attimo di smarrimento, ma si riprende subito: “Oh, che sbadata! Stavo pensando a dove portarti, cosa suggerisci Nilde?”
“A quest’ora un aperitivo in piazza andrebbe benissimo e offrirebbe una magnifica presentazione per questi posti.”
“Ė deciso, allora. Arrivederci Nilde”, la bacia sulle guance. Fanno tutto loro.
“Che bella macchina!”, esclamo tanto per dire, anche se la macchina è davvero super.
“Per forza, è una Lamborghini, anche Lukas ne ha una.”
In viaggio il discorso non decolla e lei guida come quegli ottantenni col cappello in testa, pericolosissimi, tiene la seconda per chilometri, il motore implora pietà. La classica madama che fa la spandona con un’auto di lusso che sa solo dove sta il volante, visto che ce l’ha sotto l’aristocratico nasino.
“Allora, come mai questa sorpresa?”
“Scusi, di che parla?”
“Il tuo fidanzamento con Lukas. Oh, in realtà me ne aveva già parlato, siamo molto intimi, ma non credevo ti portasse in famiglia per la presentazione ufficiale.”
Prima bugia. Lei non ne sapeva proprio nulla.
“Deve chiederlo a lui, visto che siete intimi”, ribatto.
“Senti, mi spiace per quello che hai visto in biblioteca”, non le dispiace affatto e non sa che io e lui ci siamo già chiariti
“Oh, non c’è problema, io e Lukas siamo una coppia aperta”, le ho tappato la bocca e la vedo un po’ confusa, ma si riprende subito.
“Dove vi siete conosciuti? Sono così curiosa di sapere dove, non hai l’aria di frequentare certi ambienti esclusivi!”
Che demente.
“Facevo la corista in una band di paese, lui si era fermato a dormire in hotel per la notte e si è lamentato del baccano col parroco che ha intercesso per noi. Dovevamo pur guadagnarci il pane! Ma lui era inflessibile così son salita in camera sua e abbiamo trovato un accordo.”

Non vorrei insistere, ma insisto

In questi giorni sereni me ne sto fuori dall'attualità sempre più angosciante e faccio comparsate su FB, però non posso abbandonare la mia creatura, ci tengo troppo. Sapete già dove andrò a parare perchè io sono un caso da "aiutati che il Ciel ti aiuta" e credo in quello che faccio. Vorrei essere giudicata per quello che scrivo, non in base a quanto vengo nominata in giro o a frasi o teaser ad effetto o amici e simpatizzanti che se anche scrivo una megacavolata ti portano sugli altari. Purtoppo siamo in un'era così e inoltre se non appari non esisti. Tocca fare dei compromessi, e quakuno l'ho fatto anch'io. Grazie a chi mi ha accolto.
Ringrazio anche chi ha seguito il mio suggerimento di non mettere GRATUITO in cantina e se il motivo non è chiaro l'ho già scritto. Non mi piace stare in cantina. Un regalo è sempre un  regalo, no? Scrivevo che con quello avrete occasione di decidere se ANDARE AVANTI o no. Ora è a prezzo ridotto anche se non credo, onestamente che non sia uno o due euro che fanno la differenza, basta guardarsi intorno. Senza contare che metto sempre in KU.

A questo libro ci tengo moltissimo, non si capisce vero? 
Quindi se avete gradito UN PO' vi invito a sostenermi, sappiate però che la storia si evolve andando avanti, sappiate che non ritroverete copie di nessun personaggio che avete letto o incontrato.Perchè io scrivo basandomi su gente che ho conosciuto, ne rubo l'anima e i lineamenti, non imito consapevolmente nessuno. prediligo l'Italia come location. So che sbaglio, in una logica commerciale, ma il cuore mi detta altro.
Volevo aggiungere una cosa che molti tacciono, e l'ho letto in questi giorni. Se hai preso un libro riedito, se l'hai trovato molto distante da come te lo hanno dipinto, lo puoi rendere. Questo è un argomento tabù, ma come esistono certe possibilità discutibili, su Amazon esiste anche questa. Si va sul carrello, s'individua il titolo e clikkandoci trovi anche "reso per rimborso". Perchè quegli autori che si trovano delle lamentele in merito, rispondono a questa un "mi dispiace", "l'ho scritto dappertutto", ma non nominano questa possibilttà? Dai piccoli gesti si può capire molto. Come si può capire se uno è un bravo scrittore o un wannabe raccomandato (come è d'uso in ogni campo nel Bel Paese), dai post che lascia in giro. Si vede che va bene così, ma non è detto che vada bene a me o ad altri, abituati a pensare con la propria testa. Poi naturalmente c'è chi si trova a proprio agio in certi habitat e non puoi strapparli a forza, non è il loro momento e nelle loro facoltà. Mi sorge perfino il dubbio che capirebbero un terzo di quanto sopra e allora fanno bene a evitare di leggermi. Polemica? No, affatto. Realistica. Mai come ora impera il pensiero unico. O ti adegui o sei fuori. [Nota doverosa: esistono le eccezioni}. Ma se invece cominciassimo a fare tendenza noi ? Sì, noi che non ci uniformiamo, che la pensiamo diversamente, anche riguardo alla Narrativa e al Self e al modus propagandi (questa l'ho coniata ora).
Insomma, c'è chi dice no.
Potrebbe diventare un movimento e avrebbe già un suo inno.Anzi due.
Maybe I'm crazy. Maybe I'm amazed.
Come tutti i sognatori.

AVVISINO

Grazie a chi scarica il gratuito, ma il mio consiglio è di non tenerlo in cantina.E' molto importante per chi scarica il free che lo legga prestino così decide se vuol proseguire, perchè tra poco il Credici Creed#1 "corposo" (che poi con interlinea 1 sono solo 370 pagine) torna a prezzo pieno.Grazie ancora.  Ci sentiamo più in là. Benedizioni.

 Credici (...un po') il free

 Credici (Creed#1) scontato ancora per poco



Diciamo che rende benino, ma solo una parte.

Ciaoooooo. E grazie ancora e sempre.